venerdì 21 giugno 2013

Pancakes

I pancakes, o per gli appassionati del genere...le frittelle di Paperino! 
Prima di vederle fare in tanti telefilm americani le ho conosciute leggendo le avventure del noto paperotto. Così appena (ormai anni fa) ho visto la ricetta di Danda su cookaround, una volta reperito lo sciroppo d'acero...non ho resistito e ho dovuto provare a farli! Sono buonissimi!!! Sarà che adoro lo sciroppo d'acero, sarà che i pancakes ne assorbono tantissimo, sarà per il ricordo del fumetto dell'infanzia...ma i pancakes per me sono una coccola per quando la mattina te la vuoi prendere un po' comoda.


La ricetta originale è di Danda e non l'ho modificata nel tempo. Ogni tanto ci scappa un po' di più o un po' di meno di qualche ingrediente ma non succede nulla, l'importante è che la pastella abbia una consistenza piuttosto densa.



Ingredienti:
250 g farina (anche una parte integrale o altre farine)
2 cucchiaini rasi di lievito per dolci (anche bicarbonato)
1 pizzico di sale
2 cucchiai di zucchero di canna
250 ml di latte (anche di riso o soia)
2 uova
50 g di burro fuso (o margarina)
cannella, noce moscata, zenzero a piacere
Per servire: sciroppo d'acero e frutta secca a piacere

Procedimento:
Sciogliere il burro nella stessa padellina in cui si cucineranno i pancake.
In una ciotola sbattere le uova con il latte.
In un'altro contenitore mescolare la farina setacciata con il lievito, zucchero sale.
Aggiungere i liquidi alle polveri, il burro fuso e mescolare fino ad ottenere una pastella densa e liscia (deve essere piuttosto consistente, se le uova sono molto grandi aggiungere un po' di farina). 
Riscaldare la padella in cui è stato sciolto il burro e versare delle cucchiaiate abbondanti di pastella in modo da ottenere delle frittelle di circa 8cm di diametro.
Appena sulla superficie appaiono delle bollicine (ci vuole circa 1 minuto) rigirare il pancake e cuocere un altro minuto. Impilare i pancakes e tenere al caldo. Se necessario ungere nuovamente la padella con altro burro.
Servire versando direttamente lo sciroppo sui pancakes, oppure riscaldandolo (diventa più fluido). Se piace aggiungere della frutta secca tostata o non.

Dose per circa 15 pancakes (dipende dalle dimensioni).
Possono essere surgelati: una volta ben freddi impilarli in un sacchetto di plastica separandoli con fogli di carta forno; per consumare basta farli scaldare in padella o farli scongelare e poi riscaldare.

10 commenti:

  1. mi piacciono tanto queste foto "vere" :) e poi i tuoi pancakes vengono sempre perfetti :) :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i due malcapitati si sentivano osservati, ihihihihih ma è il prezzo da pagare per la colazione :-) io ho ancora delle foto di pancake di quando li abbiamo fatti assieme se non sbaglio :-) :-*

      Elimina
  2. Risposte
    1. buonissimi e semplicissimi :-)

      Elimina
  3. Ciao alice, i pancakes li ho mangiati in Nepal e mi sono piaciuti molto, non ho mai provato a farli però. Lo sciroppo d'acero non mi piace granchè perchè ricorda il miele che proprio non mi piace... in Nepal ovviavo spalmandoci sopra la marmellata, mmm! E per quanto riguarda Paperino: eccomi!! Quanto l'ho amato e ancora leggo volentierissimo i topolini anche se le storie di oggi non son più quelle di un tempo, è cambiato tutto e troppo. Carino il tuo blog, da oggi ti seguo. A presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh oh vedo che non sono l'unica che legge ancora il paperino :-D

      Elimina
  4. Mmmm li adoro e solo vedere le foto mi ha fatto venire l'acquolina in bocca. Quando vado negli states li prendo sempre a colazione...non saranno il massimo della leggerezza ma sono così buoni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. una colaziona perfetta per affrontare la giornata con il sorriso...e tanta energia :-D

      Elimina
  5. Mi hai fatto appena scoprire perche' non mi vengono gonfi...ci va un po' di lievito mannagg! Grazie Alice!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in certe ricette mettono gli albumi montati a neve. ma io preferisco metterci o il lievito o il bicarbonato :-)

      Elimina